Mission


La missione del corso di sopravvivenza e bushcraft per giovani è quella di formare nei giovani un carattere completo, sicuro di sé. Sulla base di questi princìpi:
dar loro la possibilità di scoprire se stessi;
di conoscere sia il successo che la sconfitta;
di impegnarsi per una causa comune;
stabilire dei momenti di silenzio in cui i giovani possono concentrarsi su se stessi e sentire i propri pensieri;
sviluppare l’immaginazione; far sì che il gioco sia una componente educativa importante ma non dominante; liberare i figli del benessere dalla convinzione di essere dei privilegiati.
Questi princìpi vogliono esprimere un approccio educativo volto alla formazione del carattere assieme allo sviluppo di abilità intellettuali.
Tal scopo questa filosofia educativa è orientata a sollecitare le risorse più profonde (intellettuali, fisiche ed emotive) attraverso attività fisiche che si svolgono Outdoor (all’aperto).
Ciò che rappresenta il fondamento è l’importanza dell’autoscoperta: l’apprendimento avviene in modo migliore attraverso le emozioni e la sfida. Le persone scoprono le loro abilità, i loro valori e le proprie passioni, la loro responsabilità in situazioni dove è presente l’avventura e l’inaspettato e svolgendo compiti che richiedono perseveranza, forza fisica, padronanza, creatività, autodisciplina e risultati significativi. Il compito primario di un formatore è aiutare i suoi allievi a superare le proprie paure ed a scoprire che possono realizzare più di quanto loro stessi credono.
Avere idee meravigliose: nutrire la curiosità verso la realtà creando situazioni di apprendimento che forniscano qualcosa di importante a cui pensare, tempo per sperimentare e tempo per attribuire senso a ciò che si osserva.
La responsabilità dell’apprendimento: un processo di scoperta individuale che un’attività sociale. Ognuno apprende sia individualmente che come membro di un gruppo. Occorre incoraggiare giovani ed adulti a divenire sempre più responsabili nel dirigere il loro personale apprendimento ed anche quello collettivo.
Empatia e cura: l’apprendimento è facilitato nelle comunità dove le idee di allievi e formatori sono rispettate e dove c’è fiducia reciproca. I gruppi di apprendimento sono piccoli. Gli allievi più anziani fungono da mentori di quelli più giovani e tutti si sentono fisicamente e psicologicamente al sicuro
Successo e fallimento: Tutti gli allievi hanno bisogno di sperimentare il successo se devono costruire la capacità di assumersi dei rischi ed andare incontro a sfide crescenti. Ma è altrettanto importante che imparino dai loro fallimenti, che perseverino quando le cose sono difficili ed imparino a trasformare le difficoltà in opportunità.
Collaborazione e competizione: sviluppo individuale e di gruppo sono integrati in modo da rendere chiari il valore dell’amicizia, della fiducia e dell’azione di gruppo. Gli allievi sono incoraggiati a non competere gli uni contro gli altri ma con se stessi e con i propri standard di eccellenza.
Diversità ed integrazione: sia la diversità che l’integrazione aumentano la ricchezza delle idee, la creatività, le abilità di problem solving ed il rispetto per gli altri.Gli allievi esplorano e valutano le loro differenti storie e talenti così come quelle delle altre comunità e culture. I gruppi in apprendimento sono strutturati in modo eterogeneo.
Il mondo naturale: un contatto diretto e responsabile con la natura nutre lo spirito umano è ricorda l’importante principio del ciclo di causa-effetto. Gli allievi apprendono a divenire gli “amministratori” della terra e delle future generazioni.
Solitudine e riflessione: allievi e formatori hanno bisogno di passare del tempo da soli per esplorare i loro pensieri, fare i loro collegamenti, creare le loro idee. Essi hanno anche bisogno poi di condividere le loro riflessioni con gli altri.
Aiuto e compassione: noi siamo comandanti non passeggeri. Allievi ed insegnanti rafforzano se stessi attraverso azioni di aiuto reciproco. Una delle primarie funzione è quella di preparare gli allievi a sviluppare attitudine e capacità di imparare da ed essere al servizio degli altri.