Recensioni

Lascia una Recensione

Scrivi la tua Opinione Sulla Scuola di Sopravvivenza Bushcraft 

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *



38 Commenti

  1. Phoenix

    Una bella avventura. Sono un’amante degli sport impegnativi ho sempre testato li i miei limiti (alpinismo, immersioni, snowboard, corse in moto etc.) e paradossalmente non ho mai fatto neanche una vacanza in tenda, non ho mai avuto bisogno di accendere un fuoco ne’ tantomeno cercare e bollire l’acqua.
    Sono cose che potrebbero servire più di quanto immaginiamo e proprio quando meno ce lo aspettiamo.
    Ammetto, non e’ stata una passeggiata, sotto la pioggia con un paio di gradi, fango ovunque e la responsabilità del mio cane, libero nel bosco … ma mi e’ piaciuto… lo rifarei e ancora di piu’ lo consiglierei. Adesso cercherò di fare pratica , sempre io con il mio compagno di avventura PELOSO per poi in futuro mettermi alla prova con il livello successivo. Grazie Francesco e Manuel per la gestione magistrale del corso! A presto

    Rispondi
  2. Brisio

    Splendida esperienza.
    Abbiamo partecipato al “corso Bushcraft”: Francesco è un istruttore preparato, simpatico ed estremamente adattabile alle esigenze dei partecipanti al corso.

    Abbiamo imparato un’innumerevole quantità di cose interessantissime (dai nodi più utili a come riconoscere le stelle di notte, dalla creazione di utensili all’accensione di un fuoco perfetto) divertendoci per l’intera durata del weekend.

    Incantevole poi è stato passare la notte sotto le stelle nel rifugio costruito da noi stessi con paracord e un paio di teli.

    Consigliatissimo sia a famiglie con bambini (la casetta sull’albero sarà un’attrazione irresistibile) che ad adulti esperti con esperienze nel campo “survival”.

    Rispondi
  3. Roberto e Stefano

    Salve a tutti,
    Scrivi questa recensione dopo alcuni giorni dalla mia prima esperienza in un corso di sopravvivenza base,
    Ci ho messo un po’ ma volevo essere certo di riuscire a raccontare le cose più importanti che ho portato a casa con me.
    Abbiamo deciso di partecipare con un mio amico e collega di lavoro, verso febbraio e girovagando tra i vari siti che offrono questo genere di “servizio” quello di Francesco e stato tra quelli che ci ha colpito di più.
    Il corso è partito già dal mattino verso le 8:00 e Francesco si è presentato in tutta la su magnifica semplicità, spiegando dettagliatamente come si sarebbero svolti è strutturati i due giorni successivi.
    apprese le nozioni base è consegnataci l’attrezzatura, ci ha mostrato come ci si costruisce un riparo, come si usa in maniera “intelligente” il tanto amato Paracord è una delle cose più importanti, come accendere il fuoco in maniera autonoma.
    Nella seconda fase ci ha mostrato come mettere in pratica tutto ciò che ci ha spiegato.
    Raccontare tutto non serve, perché fondamentalmente il bello è metteresti alla prova senza sapere, però devo dire che nonostante io abiti in campagna e già da piccolo ho potuto godere della compagnia dei boschi della mia terra, la conoscenza che Francesco offre è una cosa che tutti dovrebbero apprendere,
    e la cosa più bella che ho portato con me dopo questa esperienza e la voglia di proseguire questo percorso che la natura e Francesco mi hanno mostrato, sono stati solo due giorni, ma sono bastati per farmi conoscere persone molto simili a me con cui ho legato immediatamente e con le quali proseguirò questo mio sentiero tra i boschi della vita.
    Perché il bello è rendersi conto che sapersela cavare grazie alla conoscenza della natura ci porta a potercela cavare nella vita di tutti i giorni.

    Rispondi
  4. Michela Marchiori

    Non avrei mai pensato di poter accendere un fuoco
    sotto la pioggia e invece con la corretta procedura e’ possibile !
    Davvero un corso ricco di conoscenze utilissime che applicano
    la legge del minimo sforzo con il massimo risultato
    Coniscenze utili sicuramente nell’emergenza ma anche e soprattutto utili per chi desidera immergersi nella bellezza del creato in sicurezza, autonomia e rispetto profondo di tutto ciò che ci circonda.
    Ci si rende davvero consapevoli che per vivere in pienezza c’è già tutto quello che serve .
    Grazie Francesco!
    Faremo sicuramente anche il secondo livello!!
    Michela

    Rispondi
  5. coccinella

    Io e le mie colleghe maestre abbiamo portato cinquanta bambini della scuola dell’infanzia in uscita al bosco di Albereto. Francesco e Karen ci hanno accolti e poi guidati lungo il sentiero che conduce nel bosco. Non sapevamo quello che ci aspettava e, avendo la responsabilità dei bambini, c’era un po’ d’ansia rispetto alla loro sicurezza e alla loro “resistenza”. Il bosco è bellissimo, intatto, selvaggio. Dopo un primo momento in cui noi maestre cercavamo di aiutare i bambini dando loro la mano e cercando di preservarli da eventuali pericoli, ci siamo rese conto che la guida di Francesco, le sue indicazioni e il suo fischietto erano sufficienti a infondere sicurezza a tutti. I bambini hanno potuto sperimentare le proprie capacità e abilità motorie, hanno vissuto il bosco in modo intenso, alcuni per la prima volta, ascoltandone suoni e rumori e fantasticando sui suoi abitanti. Poi, in una piccola radura, ha preso vita la vera magia : Francesco ha acceso un piccolo fuoco con selce, acciarino e fibra di legno, sotto gli occhi esterrefatti dei bambini!
    E’ stata una bellissima esperienza sia per i bambini, che per noi insegnanti. Esperienza da consigliare a tutti!

    Rispondi
  6. Sonar

    Lascio un commento in proposito alla mia prima esperienza al corso base tenutosi questo fine settimana. L’esperienza è stata impagabile, sono un montanaro trapiantato in città, e come dicevo a Francesco sentivo un vero e proprio bisogno di ritornare ad immergermi nella natura e la scelta è stata più che ottima. Francesco come istruttore ha tutto ciò che serve, preparato e paziente oltre ad essere un vero appassionato (e si vede!) per quello che fa, e come lui anche i suoi aiuti, che anche se giovani in età compensano con esperienza e passione per quello che fanno. Se poi a tutto questo aggiungiamo un gran bel gruppo di persone volenterose di imparare cose nuove e simpaticissime cosa posso dire ancora? A quando il corso intermedio???
    È stato un vero piacere, a presto. Omar.

    Rispondi
  7. Chiki30

    Nonostante siano ormai anni che frequento il Bushcraft, ogni corso di sopravvivenza a cui ho l’occasione di partecipare è unico.
    La gente è molto motivata e spesso affronta paure a cui non aveva nemmeno mai pensato, poichè vivere questo non è per tutti una cosa da ogni giorno.
    Francesco è un insegnante competente e paziente, che riesce a mischiare il divertimento con l’apprendimento…ed a mio parere, è la cosa più importante per non rendere pesante la situazione e fare in modo di avere tanti riscontri positivi.
    Consiglio a tutti l’esperienza e posso garantire che sarà in grado di lasciare un segno indelebile nella memoria!

    Rispondi
  8. geogianlu82

    altro week end di sopravvivenza trascorso!! è già il 3^ che seguo / a cui partecipo e non si finisce mai di imparare grazie sempre a Francesco che propone sempre troppe cose ehehe!!! stavolta, indirettamente, c’era una gran prova di resistenza!! momenti di sfide, perse e vinte, e compagni con cui condividerle!!
    ciao ragazzi e grazie ancoraaa!!! alla prossima!!

    Rispondi
  9. peter

    Buonasera, ho partecipato con grande entusiasmo al corso base di sopravvivenza organizzato dal mitico Francesco, è inutile dire che ho trascorso un week end meraviglioso in compagnia di persone con le quali ho avuto modo di poter stringere profondi rapporti umani in piena condivisione.
    A tutto questo non dimentico di aggiungere la natura rigogliosa e ancora di più la professionalità di Francesco che ci ha aiutato a vivere questa breve avventura sperimentando la sopravvivenza al meglio.
    Lo consiglio vivamente a chiunque ami la natura e voglia viverla pienamente in sicurezza, spero di poter frequentare anche i corsi successivi.
    P.S. Per Francesco, Manuel e tutti i partecipanti un caro abbraccio.

    Peter

    Rispondi
  10. Spazzola

    Ho frequentato il corso intermedio di 2 giorni, come mia prima esperienza.
    Partito da casa con un certo timore pensando di ritrovarmi come istruttore il classico “Rambo” o “marins” dei miti televisivi, invece con mio grande stupore positivo ho trovato in Francesco come persona veramente fantastica! PROFESSIONALE, PREPARATISSIMA, CORDIALE, ma soprattutto quello che mi ha colpito in lui è la GRANDE PASSIONE che ha per questa attività!!! La sua luce negli occhi mi ha colpito assieme al suo lato umano. Non credo sia poco!!!
    Tutto questo assieme ad un contesto ambientale ottimo e la fortuna di aver trovato un bel gruppo ha reso questo corso speciale e ricco di stimoli e voglia di nuova crescita.
    Io mi sto già organizzando per il corso avanzato….

    Rispondi
  11. Valentina

    Abbiamo frequentato il corso di due giorni ed e’ stata un’esperienza meravigliosa! Grazie, Francesco, i tuoi preziosi insegnamenti non li dimenticheremo così come non dimenticheremo la tua grande passione, professionalita’ e umanità. Abbiamo trascorso due giornate emozionanti, imparato utilissime tecniche per vivere al meglio la natura, ci siamo divertiti, abbiamo conosciuto nuove e belle persone e non vediamo l’ora di rifarlo!! Un caro saluto da Valentina & Michele

    Rispondi
  12. gianluferri

    Ciao a tutti mi chiamo Gianluca e ho 31 anni. Ho provato a fare il corso di sopravvivenza intermedio e posso dire che:
    -E’ stato molto educativo, ho imparato tante cose interessanti, solo con un istruttore ESPERTO e chiaro come Francesco avrei potuto capire bene tutte le nozioni necessarie e sono tante.
    -Il posto è in mezzo alla natura ed è veramente incantevole, ci sono anche animali recintati come capre, asini, oche, conigli.
    -Cè tutto quello che serve e l’escursione è stata una figata pazzesca.
    Grazie Francesco tornerò presto

    Rispondi
  13. Manu

    “Ciao mi chiamo Manuel ho 16 anni e sono un ragazzo che segue il corso di Bushcraft per giovani da 5 anni, e ora vi racconterò qualcosa !
    Parto col presupposto che per gli amanti della natura, questo corso è il top dato che si sta molto a contatto con la natura e ovviamente si imparano davvero tante cose, esempio molto banale e scontato è come accendere un fuoco, come costruire un riparo, imparare ad ascoltare i rumori della natura conoscere molti animali che io personalmente, prima non conoscevo o non ne sapevo il nome come anche le piante.
    Parlando sempre per esperienza personale, non ho imparato solo le cose che vi ho elencato qui sopra, ma posso dire di aver imparato tante altre cose che riguardano la vita di ogni giorno come relazionarsi con le persone ed essere più aperto, ho vinto tante paure, ho imparato a condividere tutto con tutti, cosa che credo sia molto importante come non fare distinzione tra una persona e un altra dato che siamo tutti uguali e tante altre cose importanti che possono sempre essere utili nella vita di ogni giorno per tutti ! Spero che queste poche righe vi possano essere state utili !!!

    Rispondi
  14. SurvivalMazzo

    “Non combattere la natura ma rispettala”

    È stata un ottima esperienza
    Io sono 5 anni che faccio questo corso e ne sono rimasto molto soddisfatto
    Ho imparato molte cose sulla sopravvivenza:costruire ripari,fuoco, tecniche di caccia, le armi primitive e anche riconoscere le varie piante per capire quali sono velenose e quali no.
    Grazie al bushcratf oltre alla sopravvivenza ho imparato anche a migliorare i rapporti con gli altri, a dividere ciò che si ha ,ad aiutare gli altri nel momento del bisogno e a sostenersi l’uno con l’altro.
    È tutto questo grazie a Francesco che è un ottimo insegnante.

    Rispondi
  15. Momogenico

    Il corso è stato un regalo e prima di affrontarlo mi aspettavo di trovarmi di fronte ad una trasferta in un bosco più disperso possibile, lontano a sufficienza dalle comodità, dall’acqua e dal cibo, in modo da trovarsi in condizioni ottimali solo ed unicamente con un’adeguata organizzazione dello zaino e dell’equipaggiamento. Del resto le raccomandazioni pre-corso erano di reperire una lunga lista di materiali, senza lasciare nulla al caso, Francesco è molto chiaro, se non avete tutto non sarete ammessi al corso!
    In realtà la situazione è molto meno tragica di quanto mi aspettassi, il campo base è sì immerso nel bosco, ma a poche centinaia di metri da dove si lascia la macchina, con ampi spiazzi sufficientemente in piano, acqua per tutti, focolari, capanno, teepee per “conferenze”, senza nessun’obbligo alla sofferenza e ai lavori forzati. A prova di panico insomma, e col senno di poi è giustissimo così, nei reali casi di sopravvivenza in natura meglio essere preparati al 100% anche se poi non serve, ma non si può mai sapere!
    Il campo ha quel minimo di attrezzatura che lascia a tutti un senso di sicurezza ma senza eccedere nelle comodità, consentendo a tutti di concentrarsi appieno sul proprio apprendimento nelle attività basilari di sopravvivenza come costruire un riparo o accendere fuochi. L’intento è quello di cercare di cavarsela con ciò che si ha a disposizione nel proprio equipaggiamento, ma se qualcosa va storto, nessun problema, al campo qualcosa di rimedia!
    A mettere tutti ulteriormente a proprio agio ci pensa ovviamente Francesco che, con pazienza e non troppa invadenza, spiega quanto basta per poi lasciar apprendere il resto da soli, ognuno concentrato sul proprio lavoro. Ad ogni errore o difficoltà c’è sempre un suggerimento che aiuta a riprendere la giusta strada.
    Tanto tempo speso quindi nelle attività individuali ma tanto anche in attività di gruppo e piccole lezioni teoriche nel teepee (attorno al suggestivo fuoco centrale), oltre ad un piccolo trekking/lezione su piante e animali selvatici. Francesco si rende comunque molto disponibile ad organizzare, diversamente per ogni corso, attività sulla base di richieste, come la visita a qualche sito curioso nei dintorni del campo, pretesto per imparare sempre qualcosa di nuovo.
    Tanti spunti per imparare mille cose nuove, utili a cavarsela in situazioni difficili, ma anche nella vita di tutti giorni, come l’organizzazione delle proprie cose e l’esclusione del superfluo.
    Detto questo, consiglierei il corso a tutti, anche a chi non ha assolutamente intenzione di vivere esperienze estreme in posti desolati.

    Rispondi
  16. maui

    Grazie di questa avventura fantastica e molto costruttiva. Un esperienza da provare assolutamente! Sono rimasto affascinato da quante cose interessanti e utili siete riusciti ad insegnarmi in così poco tempo, anche se in realtà non si finisce mai di imparare, quindi tornerò sicuramente, ancora più carico e ansioso di nuove scoperte, a patto che Andrea non finisca tutti i lombrichi, OK? 🙂 grazie ancora Francesco e Andrea, siete grandi!!!!!!!

    Rispondi
  17. Max

    Uno spettacolo! Esperienza entusiasmante da provare! Sicuramente ti fa apprezzare la complessità della natura nella sua semplicità di viverci a contato senza accorgersene! Bisognerebbe imparare dalla natura come vivere. Ho apprezzato tantissimo questa esperienza molto introspettiva e personale. Il bello della gente che incontri in questi “posti” è che sembrano tutti accomunati al rispetto della natura, per il prossimo, e soprattutto ti insegna come aiutare il tuo prossimo, un aspetto da terne in considerazione in questo mondo egocentrico ed egoista. Devo dire che Francesco si merita una menzione particolare, una persona estremamente preparata, molto umile ed onesta nell’esprimere tutto il suo sapere senza limitarsi, anche questa cosa dimostra una gran apertura mentale non di tutti, soprattutto degli italiani! Ho visto miei compagni di “avventura” fare trekking con block notes e appuntare quello che naturalmente Francesco diceva con il cuore solo per il piacere di spiegare la Creazione agli ospiti di questa Terra, tra l’altro neanche ospiti che si comportano bene, anzi… Mi è piaciuto molto il modo in cui Francesco ci ha spiegato le piante, non solo l’enunciazione dei nomi scolastici, ma insegnandoci a conoscerli e capirli come usarli per il nostre bene e come nostro bene, incredibilmente mi ricordo varier piante, il Corniolo Sanguinello, come conoscere l’Olmo dalla foglia, il Nocciolo, la pianta Attaccamani, il Biancospino, la Rosa Canina e altre che ovviamente non ricordo i nomi… Grazie ancora di questa bella esperienza!

    Rispondi
  18. matteo

    Corso molto interessante, avventuroso ma mai pericoloso. Puoi leggere decine di libri sulla sopravvivenza ma non varranno mai quanto mettere in pratica le nozioni fondamentali.
    Francesco è molto disponibile senza mai essere invadente consentendo di vivere l’esperienza al meglio.

    Rispondi
  19. Lucar

    Ho fatto il corso di sopravvivenza a fine ottobre 2014, grazie a mio fratello. Sono da sempre appassionato del genere anche se per mille motivi non c’è mai stata la possibilità di confrontarsi con questo tipo di esperienze. C’era inoltre un certo pregiudizio da parte mia, il timore di ritrovarsi in un gruppo di esaltati paramilitari con manie di grandezza.
    Devo dire che il corso tenuto da Francesco è stato invece una rivelazione.
    Intelligente e modesto, Francesco è persona di poche parole ma precise e sensate. Fin da subito e in modo diretto ci ha introdotti ai concetti base e alle tecniche di sopravvivenza in ambienti selvaggi. Mi sono sentito protagonista e a mio agio. Impari subito che la competizione non può e non deve essere con la natura ma con sé stessi, con i propri limiti e le proprie paure.
    Mi sento di poter dire che più che le tecniche quello che conta è il metodo. Un metodo che può servire anche nelle difficoltà quotidiane. Infine è stata una bellissima esperienza umana: eravamo in sette e nessuno si conosceva. Tuttavia ci sono stati subito curiosità, feeling, collaborazione, armonia.
    Fate questo corso ma fatelo sapendo che dovrete “togliere” gli abiti di tutti i giorni per un pò e farvi condurre a scoprire qualcosa di voi che forse non conoscete ancora.

    Rispondi
  20. vale106

    Quando ho visto su facebook il corso ho sentito un richiamo forte e cosi’ ,io e mio marito ,abbiamo deciso di partecipare a questo weekend nella natura piu’ primordiale e pura. Accendere il fuoco con l’acciarino e il coltello,curarlo,mantenerlo vivo tutta la notte e’ stata la cosa che piu’ mi ha affascinato,tanto che la mattina non avrei voluto piu’ spegnerlo. Costruire il rifugio e raccogliere la legna per la notte,conoscere le erbe e le piante(commestibili o utili) e imparare varie tecniche di sopravvivenza non sono state da meno.Splendidi i rumori notturni dei vari animali o del bosco stesso. Francesco e’ un selvaggio centrato preparato e con cui si entra subito in sintonia. Il gruppo era composto da persone che amano la natura e quindi c’e’ stata collaborazione e armonia. Veramente un’esperienza toccante. Rosita

    Rispondi
  21. Sibilla

    Mi sono iscritta al corso intermedio di bushcraft per curiosità, invece ho trovato una scuola di vita. Francesco è un coach di pochi fronzoli ma di molta umiltà e immensa esperienza, che non ti abbandona un attimo mentre tu impari tante cose… facendole.
    Una full immersion indimenticabile dove ho imparato che consapevolezza e rispetto sono le chiavi con le quali il Grande Bosco ti apre la porta di casa, che gli insegnamenti tecnici non sono parole ma uno stile di vita, che dentro di noi ci sono risorse che non credevamo possibili.
    Alla fine del weekend mi sono trovata più umile e più potente: è un’esperienza che consiglio a tutti.

    Rispondi
  22. giancarlourbani

    Ho capito dopo 2 giorni la differenza tra survival e bushcraft…con Francesco un ottima persona semplice ma al tempo stesso capace e con conoscenze uniche nel suo genere…sicuramente da rifare…consigliato a tutti…

    Rispondi
  23. Andrea Landi

    Immersa nella fitta vegetazione scopri la presenza di una sorta di accampamento, con un grosso capanno di legno, un orto, diversi animali, una casetta in legno e materiale di scarto riutilizzato a dovere, grossi tronchi messi in cerchio intorno ad un braciere per il fuoco, qualche amaca, una raccolta di acqua naturale e alberi altissimi a proteggere e custodire tutto questo. Non è un film, anzi, è tutto vero. Un posto incredibile per un’esperienza altrettanto bella. Con l’esperienza, la passione e l’aiuto di Francesco ti ritrovi a fare in poche ore cose che non sapevi di essere in grado di fare, come organizzarti un riparo con l’uso del tarp, creare un fuoco, riconoscere piante commestibili, creare utensili con il legno e prendere dimestichezza con quello che la natura può offrirti e adattarlo nel modo migliore alla situazione, come dice Francesco: improvvisare, adattarsi e raggiungere lo scopo. Ritrovarsi di fronte ad un fuoco, acceso con le tue mani, ti riporta indietro di milioni di anni, e va a toccare dentro di te quella parte ancora legata alla vita primordiale. Esperienza che consiglio a tutti, soprattutto a chi sente il “richiamo della foresta” dentro di sé.
    Grazie Francesco.

    Rispondi
  24. geogianlu82

    Gran corso di sopravvivenza da due giorni + nottata sotto le stelle e il bosco soprattutto! Francesco ne sa sempre 2 in più del diavolo 🙂 veramente: ci sarà sempre troppo da imparare e da fare!
    Senti come la natura ti mette alla prova, ti premia, ti mette in difficoltà.. un altro mondo insomma! in questi corsi impari le sue nuove regole e alla fine capisci che la sfida la puoi vincere solo se lo vuoi tu!!
    varie cosette fatte e imparate dal Francesco, giusto per dare un’idea: dove cercare cibo, cosa evitare di mangiare, fare e rifare fuochi per tutti i suoi 1000 usi, costruzione del tuo rifugio per la notte, impari a non farti troppi problemi, costruzione di trappole, un minimo di piante e animali della zona, impari a non arrenderti, disintossico totale dalla vita mondana, equipaggiamento minimo.. ecc. ecc. ecc. !!
    ciàà a tutti!!

    Rispondi
  25. Andrea P

    Ho partecipato ai corsi di 1 e 2 giorni, bellissime esperienze entrambi, ogni volta ti stupisci di quanto ancora c’è da apprendere… imparare a sentirsi a proprio agio nella natura aumenta l’autostima a ti rende felice. Grazie sempre a Francesco per tutti gli utili insegnamenti, parteciperò ancora sicuramente.

    Rispondi
  26. GreenGabri

    Corso Bushcraft di 12 ore.
    Bellissima esperienza, vissuta in una splendida cornice di verde ed animali. Corso davvero utile, tanto per l’outdoor, quanto per la vita di tutti i giorni.
    Una piccola “avventura” che mi lascia un ricordo davvero positivo, tanto da pensare seriamente a cimentarmi nel corso di 48 ore!
    Più che consigliato a tutti, anche a chi, come me, non ha praticamente dimestichezza col bushcraft, questo corso offre davvero una bella rampa di lancio per l’outdoor!
    E complimenti sopratutto all’istruttore Francesco, davvero preparato, tanto sulle tecniche, quanto nel saper coinvolgere gli allievi.
    🙂

    Rispondi
  27. geogianlu82

    Corso di Sopravvivenza 12 ore: vivi la natura da un altro punto di vista! corso utilissimo e molto divertente! si impara l’arte di arrangiarsi con qualsiasi cosa e si migliora il proprio stile di vita!
    Un Grazie all’Istruttore Francesco, che ti fornisce un sacco di informazioni utili e molto pratiche per tutte le situazioni anche per la vita di tutti i giorni! Molto buono anche perché ti segue nelle operazioni pratiche spiegandoti di tutto e di più!
    ciaoooo ragazzi!!!

    Rispondi
  28. giacomo

    E’ stata un’esperienza intensa e unica: 2 giorni in cui abbiamo imparato a costruirci un rifugio, accendere il fuoco, costruire strumenti, procurarci il cibo,…tutto con le nostre mani. Considero Francesco un modello davvero positivo da seguire e imitare, per la sua enorme capacità di appassionare all’autentica vita all’aperto e al contatto con la natura.

    Rispondi
  29. dago (Autore Post)

    Grazie a tutti Fratelli, per la vostra fiducia ed i preziosi feedback.

    Rispondi
  30. EVANDER

    Ieri ho fatto corso di 12 ore ed è stata esperienza bellissima !
    Faccio i complimenti a Francesco per come insegna survival/bushcraft, per la competenza e la passione che ci mette.
    E anche per il suo modo di fare e carattere. Grande esperienza e umiltà, doti che apprezzo molto come apprezzo la disponibilità a seguire gli allievi anche dopo il corso. Francesco sei un grande !
    Di rilievo e quindi importanti anche i consigli, tra cui quello di non avventurarsi mai da soli in mezzo a un bosco. E anche di non esagerare con certi gesti che fa Bear, che considero una persona valida ma su certe cose ritengo che esageri …
    Secondo me il miglior corso di Survival che si può fare e per giunta con il miglior rapporto qualità/prezzo. Esperienza che penso proprio ripeterò magari con il corso che dura 2 giorni e relativa notte nel bosco. Stare in mezzo alla natura e imparare a conviverci rispettandola penso sia un’esperienza che dobbiamo fare nostra, uscendo dagli schemi mentali che i media ci inculcano e tornando un pò ai nostri archetipi, imparando a cogliere l’essenza e il valore che la natura offre.
    Grazie ancora Francesco di tutto, abbiamo entrambi lo stesso motto: “Improvvisare, adattarsi e raggiungere o scopo”
    Davide

    Rispondi
  31. Emilio

    I miei primi giorni a bushcraft.
    il primo venerdì del corso di sopravvivenza è stato bellissimo, ci siamo incontrati alla chiesa di albereto, e poi abbiamo preso una strada che porta a un bellissimo bosco, ci siamo inoltrati e D’Ago ci ha fatti sedere, ci ha detto un sacco di cose basi che bisognava sapere, già lì, ho capito che mi sarei divertita tantissimo! Poi ci ha fatto un modellino di rifugio, e dopo ci siamo divisi in due gruppi, perchè ogni gruppo doveva costruire il suo! Pensavamo di non farcela, ma poi invece!! Io nel gruppo ero con un sacco di amiche e amici, e perciò mi sono divertità ancora di più! D’Ago è molto simpatico, come tutti i ragazzi con cui passo il tempo a bushcraft. Quattro ore sembrano due ore. è bellissimo stare nei boschi e imparare a conoscere la natura, abbiamo imparato a riconoscere delle piante, la cicoria, il plantago, la carota selvatica e la bardana, io le ho memorizzate con molta facilità, piace un sacco imparare cose nuove sulla natura. Sono molto contenta che Montescudo abbiamo quste iniziative.
    Tuttora continuo a frequentare il corso,e sono sempre dell’idea che sia divertentissimo e che insegni un sacco di cose interessanti.

    Giulia

    Rispondi
  32. Francesco Magistrali

    Ho avuto l’onore ed il piacere di passare un’intera, intensa e fitta giornata negli stupendi boschi di Montescudo, facendo una full-immersion sull’argomento “accensione fuoco”. Francesco, “deus ex machina” della scuola di sopravvivenza e bushcraft di Montescudo, è stato una fantastica guida ed istruttore, portandomi a conoscere mille trucchi e segreti che, oltre ad essere potenzialmente di vitale utilità in situazioni di emergenza, ci riportano all’atavico, primordiale stupore dinnanzi ad una delle “magie reali” più affascinanti che esistano, ovvero la creazione del fuoco senza mezzi moderni. Invito chiunque a fare lo stesso: un’esperienza imperdibile ed altamente umana.

    Francesco.

    Rispondi
  33. kataskeui istoselidon

    I’d have to check with you here. Which is not something I usually do! I enjoy reading a post that will make people think. Also, thanks for allowing me to comment!

    Rispondi
  34. sharif

    Abbiamo imparato che non si può sfidare la natura, ma ci si deve adattare e accogliere se stessi per lei. La natura non cambia, è l’uomo che deve cambiare, se vuole vivere in condizioni in cui la natura è dominante “.

    Rispondi
  35. francesca

    Il bushcraft è un esperienza molto bella e divertente ogni mercoledì impariamo cose nuove come accendere il fuoco, costruire capanne ecc…
    Non avrei mai pensato di divertirmi così tanto! 🙂

    Rispondi
  36. Leo

    Penso che sia un modo più che fantastico per imparare come sopravvivere e per imparare a lavorare insieme, come una squadra. Grazie per questo corso.

    Rispondi
  37. Camilla

    E’ una bellissima esperienza Bushcraft, si sta insieme e si imparano molte cose interessanti! Non avrei mai pensato mi divertissi così tanto in mezzo alla natura.

    Rispondi
  38. patrick

    questo è il migliore corso per me oltre a canto è capitato di proposito quando avevo bisogno di sfogarmi e di una cosa del genere

    Rispondi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *