fbpx
Flora

Ippocastano

By 14 Aprile 2011 Gennaio 8th, 2019 One Comment


 

 

 

 

Ippocastano – Aesculus hippocastanum L.

Classificazione, origine e diffusione
Divisione: Spermatophyta
Sottodivisione: Angiospermae
Classe: Dicotyledones
Famiglia: Ippocastanaceae
L’Ippocastano comune (Aesculus hippocastanum L.) trova il suo ambiente ideale nella fascia climatica del faggio (sottozona calda dal Fagetum secondo la classificazione del Pavari). E’ originario dei Balcani (Macedonia).
L’Ippocastano a fiori rossi (Aesculus carnea Zeyh.) è una specie nata in coltura grazie al raddoppiamento del numero dei cromosomi dell’ibrido fra il comune ippocastano e Aesculus pavia L., arbusto di origine nordamericana di fiori porpora o cremisi. Si differenza per i fiori da rosei a purpurei e per le foglie un po’ più lucide, con margine più grossolanamente ed acutamente dentati; presenta inoltre frutti un po’ più piccoli e quasi privi di spine.
Caratteristiche generali
Dimensione, tronco e corteccia
Dal portamento elegante ed imponente, può raggiungere i 30 metri di altezza; la chioma è espansa, globosa e maestosa nei vecchi esemplari. Il tronco, diritto e nodoso con l’età, è robusto e presenta una corteccia prima sottile, liscia, di colore grigio, poi grigio-brunastra, ispessita, solcata e desquamata in piccole placche quadrangolari. I rami, assurgenti a candelabro, sono lenticellati; presentano grandi gemme opposte, rossastre, ed una terminale di notevoli dimensioni, ricoperte da una sostanza vischiosa.
Foglie
Decidue, alterne, con lungo picciolo e lamina palmato-composta, a 5-7 segmenti oblanceolato-acuminati, con margine seghettato. Sono glabre, sopra più scure e sublucide, sotto opache e più chiare.
Strutture riproduttive
I fiori (circa 2 cm), bianchi con una sfumatura gialla alla base, sono riuniti in pannocchie lunghe fino a 30 cm, hanno calice a 5 lobi e corolla di 5 petali. Il frutto è una grossa capsula rotonda e verdastra, ricoperta di aculei poco pungenti, che si apre in tre valve e contiene un grosso seme bruno lucido (castagna matta).
Usi
L’ippocastano è un tipico albero da parco e viale alberato, sia per la bellezza della chioma che per la fioritura primaverile. Il nome deriva dal greco “ippos” (cavallo) e “castanon” (castagno), perchè i semi (ricchi di amido) possono essere impiegati, in quantità moderate, per l’alimentazione dei cavalli. Il legno di Ippocastano è di cattiva qualità; la corteccia veniva impiegata in passato come febbrifugo.
Proprietà ed utilizzi:
Erba amara, astringente, antipiretica, diuretica, antinfiammatoria; riduce la permeabilità capillare e l’edema locale.
Principio attivo principale è l’escina, una complessa mistura di saponine dal potente effetto anti infiammatorio.
Per uso interno nei disturbi del sistema venoso, l’indurimento delle arterie, l’insufficienza circolatoria, le vene varicose, le flebiti, i geloni, in caso di gonfiori delle articolazioni e fratture.
Nella medicina popolare la corteccia è utilizzata come bevanda tonica e febbrifuga. I decotti e le infusioni hanno azione astringente. Per uso esterno le foglie fresche in acqua bollente danno buoni risultati in caso di contusioni.
I decotti e le infusioni dei grani, solo per uso esterno, vengono impiegati per preparare compresse per l acura dei dolori di origine reumatica e come cosmetici per la pelle, le pomate sono indicate nella cura delle emorroidi.
I frutti macinati sono impiegati come sfarinati per mangimi ad uso zootecnico; consumati freschi sono invece velonosi per l’alto contenuto di saponine.
Il legno, poco elastico e non durevole, ha un uso limitato a piccoli lavori artigianali.
PERIODO BALSAMICO
Aprile-Settembre
DROGA UTILIZZATA
SEMI (IMPROPR. FRUTTI)
PRINCIPI ATTIVI
Saponine: argirescina, afrodescina, escina, criptoescina, ossicumarine, antocianine, purine, tannino, flavonoidi.
TOSSICITÁ
MEDIA
CONTROINDICAZIONI
PUR NON ESSENDO RARI, I CASI DI AVVELENAMENTO NON SONO MORTALI. L´USO È CONTROINDICATO IN CASO DI INSUFFICIENZA RENALE. COME GLI ALTRI ANTIEMORRAGICI USARE SOTTO IL CONTROLLO MEDICO.
 

Attenzione!!
Usate con cautela e solo su prescrizioni del medico o dell’erborista.

SURVIVALBUSHCRAFT.IT NON DÀ GARANZIA DI VALIDITÀ DEI CONTENUTI LA VOSTRA VERIFICA INDIPENDENTE È SEMPRE RACCOMANDATA.SURVIVALBUSHCRAFT.IT non è un presidio medico, non dà consigli medici, NON offre prestazioni mediche. Leggere le AVVERTENZE

 

D'agostino Francesco

D'agostino Francesco

ISTRUTTORE DI SOPRAVVIVENZA, GUIDA AMBIENTALE ESCURSIONISTICA ED EDUCATORE Pioniere del bushcraft e dell’outdoor adventure in Italia

One Comment

  • nasze mazury to cud natury ha detto:

    I am only writing to let you be aware of what a superb discovery my daughter experienced checking yuor web blog. She realized too many pieces, most notably how it is like to possess an excellent giving style to make other people without difficulty thoroughly grasp specific impossible matters. You undoubtedly did more than people’s desires. Thanks for distributing such essential, trusted, informative not to mention easy tips about this topic to Janet.

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: